5 Animali-5 Elementi - HungKuenTorino

Vai ai contenuti

Menu principale:

5 Animali-5 Elementi

Come tutti i sistemi di Shaolin, alcune movenze dell'Hung Gar si ispirano ai cinque animali o Ng Yin (五 形) e ai cinque elementi o Ng Hong (五行); ciascuno di essi simboleggia alcuni aspetti dell'uomo da un punto di vista psicofisico.


Long (龍 Drago)
Nella cultura cinese il drago  è simbolo di grazia, bellezza e potenza.

Il drago è usato nell’Hung Gar per sviluppare il Chi (l’energia interna) e lo Shen (lo spirito). Sono tipici di quest’animale le tecniche di tensione isometrica abbinate alla respirazione del filo di ferro (Tid Sin). Si trovano inoltre attacchi circolari che simulano il movimento ondulatorio della coda del drago. La pratica di queste tecniche conferisce forza e fluidità ai movimenti oltre che potenziare l’energia interna.

Shee (蛇 Serpente)
Le sue tecniche sono fluide e veloci, le dita sono come dardi che colpiscono le aree deboli dell'avversario quali occhi, gola ecc. Le tecniche del serpente impiegano l’energia interna di tipo morbido, l’allenamento del serpente conferisce rilassatezza, velocità e precisione nel colpo.

Fu (虎 Tigre)
La fierezza, il coraggio e la potenza di quest’animale sono incorporati nell’Hung Gar. La sua potenza è una combinazione d’energia esterna e interna che si esprime attraverso un urlo che ha origine dal Dan Tien inferiore ed è usato per simulare il ruggito della tigre. Tale animale rappresenta il Gung (potenza dura). La sua arma è l’artiglio o fu jow, esso è utilizzato per separare ossa  e muscoli dell’avversario o nelle poderose tecniche di presa o Fu Cum Na Sao. Alcune di queste, sono impiegate per bloccare il respiro o il “soffio” dell’oppositore. Il modello della tigre sviluppa ossa, muscoli, articolazioni e tendini, fortifica la schiena e la spina dorsale.

Pao (豹 Leopardo)
In natura il leopardo è più piccolo della tigre ma questo lo rende ancora più agile, veloce e dai colpi rapidi e potenti. Nell’Hung Gar la sua arma è il pugno a zampa di leopardo sferrata a breve distanza che mira agli occhi o alle costole dell’oppositore. Il condizionamento al modello del leopardo migliora il lavoro di gambe, conferisce stabilità equilibrio e migliora i riflessi.

Hok (鶴 Gru)
La gru è un animale stupendo e aggraziato ma dietro l’apparenza, le sue tecniche sono letali. Le armi con cui attacca sono il becco (hok ju) o le ali, entrambe mirano ai punti vitali. La caratteristica essenziale della gru è di non impiegare mai una forza direttamente  sul nemico ma di attendere il suo attacco per deviarlo e contrattaccare, utilizzando così l’energia  dell’aggressore a suo favore. Questo modello fa uso della forza frustata (Ping) che si sviluppa mediante un opportuno lavoro di condizionamento dei tendini.

Il sistema Hung ha incorporato i cinque elementi della medicina cinese e dell’alchimia taoista. Ognuno di esso ha particolari caratteristiche sia per quello che concerne la tecnica marziale, che la pratica interna di trasformazione alchemica.  

Gum (金 Metallo)
Il metallo nello stile Hung Gar si manifesta con movimenti poderosi delle braccia e delle gambe dove le tecniche sono impiegate in attacchi poderosi e distruttivi. Esistono numerosi colpi che si ispirano a questo elemento, il più rappresentativo è il Fan Gum Kuen, ma sono presenti anche attacchi con il taglio di mano.  

Mok (木 Legno)
Rappresentato da tecniche con doppi pugni per la corta-media distanza, il colpo più caratteristico è il Gat Mok Choy con il quale si blocca e si contrattacca simultaneamente.

Soi (水 Acqua)
Questo elemento si manifesta con lunghi movimenti che evocano le potenti onde dell’oceano; il colpo più rappresentativo è il Soi Pow Lon Choy, che può essere impiegato sia per coprire la lunga distanza, che nelle tecniche di rottura.

Fow (火 Fuoco)
E’ come un’esplosione rapida e luminosa, per mezzo di attacchi veloci e in linea come il Fow Yin Choy.

Tow (土 Terra)
Sono colpi devastanti sferrati con ambo le braccia da posizioni basse  verso l’alto. Quest’elemento è molto importante poiché rappresenta il concetto di stabilità dell’Hung Gar.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu