Caratteristiche Tecniche - HungKuenTorino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Caratteristiche Tecniche

Il sistema Hung Gar, ebbe origine sotto la dinastia Ching durante il regno di Yung Jing (1723-1736 dc). All'epoca, nel sud della Cina erano popolari cinque stili di kung fu, essi erano:

• Hung Gar: Fondato da Hung Hei Guen
• Lau Gar: Fondato da Sam Lau Ngan
• Choy Gar: Fondato da Choy Gau Yee
• Lei Gar: Fondato da Lun Gum Lei
• Mok Gar: Fondato da Mok Ching Gui

Ciascuno di questi sistemi è unico e possiede tecniche distintive e speciali. Originariamente, il vero  cognome di Hung Hei Guen era Jyu, suo nonno era un funzionario del governo Ming e la famiglia era benestante. Hung era originariamente un mercante di tè prima di diventare uno studente di Chi Sim presso il tempio di Siu Lam. Esso era un convinto sostenitore del deposto regime Ming, cambiò il suo cognome da Jyu di Hung in onore del primo imperatore Ming Jyu Hung Mo (1271-1368 dc).
Hung avrebbe insegnato la sua arte con il nome di Siu Lam kung fu, ma per paura che il collegamento con il monastero di Siu Lam avrebbe potuto mettere lui e i suoi seguaci in difficoltà, chiamò il suo stile "l'arte della famiglia Hung" celando la sua vera fonte.

Più tardi, i suoi seguaci avrebbero continuato la sua pratica usando questo nome, in onore del loro venerato maestro. Dopo l'incendio del tempio di Siu Lam Fukien, conobbe e sposò Fong Wing Chun, una ex studentessa della monaca buddista Ng Mui esperta nello stile di kung fu della gru. Hung con la moglie si trasferirono poi nel Gwang Dung dove poi morì all'età avanzata di novanta anni; la sua tomba si trova ancora lì. I documenti storici a Fukien Chan Jau Fu Ji, indicano che Hung Hei Guen ucciso qualcuno lì con un solo pugno: questo testimonia la potenza devastante del pugno di Hung.

Nel corso dei secoli l'Hung Kuen è diventato famoso per due cose:

1. La posizione del cavaliere dalle '"mille libre".
2. Il '"pugno di ferro" e le "braccia di ferro" perchè i pugni e gli avambracci del praticante sono condizionati sui pali di legno e sacchi di sabbia.

Si narra che quando Hung Hei Guen assumesse la posizione del cavaliere, dieci persone erano impossibilitate a muoverlo.
Secondo alcuni, l'Hung Gar è lento, ma questa è un imprecisione. Come molti sistemi, l'Hung Kuen sottolinea l'importanza dei colpi veloci, tuttavia secondo la sua teoria di base, una radice solida e inamovibile è indispensabile. Quando le persone sono veloci e flessibili ma non hanno una solida base, possono essere sconfitte facilmente in combattimento, per questo l'Hung Gar sottolinea l'importanza di una posizione stabile e forte prima di sviluppare la velocità e la flessibile.

Rispetto ad altri rami di Kung Fu, non si muove molto, né enfatizza tecniche spettacolari o calci alti. Immobile, il praticante Hung mediante una posizione bassa e stabile, produce per mezzo di una respirazione speciale (Tid Sin) una gran quantità d’energia che scarica, mediante una tecnica specifica, (Fan Jin) sul nemico con pochi colpi potentissimi sopprimendolo. Spesso è stato descritto come un sistema esterno perché la parte iniziale della pratica dà enfasi su alcuni esercizi di tensione dinamica utili a sviluppare una muscolatura forte e resistente. Procedendo nel percorso tuttavia, l’attenzione si sposta progressivamente verso l’interno per rinvigorire la capacità respiratoria ed acquisire un controllo crescente del potenziale interno o Chi. Appare evidente perciò che esistono due sfere d’allenamento ciascuna delle quali ha specifiche caratteristiche ed elementi costitutivi. E’ da precisare in ogni modo che la pratica esterna e quell’interna non sono da intendere come nettamente divise, in realtà esse sono profondamente legate dal respiro.

Gli elementi più importanti coinvolti nella pratica esterna: mani (sao), occhi (ngaa), tronco (san), anca (yiu), ossa (gwa), tendini (gan) e posizioni (ma).

Le parti costitutive della sfera interna sono: cuore (hsin), spirito (shen), mente (yi), energia (chi), resistenza (lik).
Lo spirito influenza la mente e questa è lo strumento per dirigere coscientemente il flusso energetico lungo il corpo ed impiegarlo per esempio in un blocco o in un attacco.

L'Hung Gar è un sistema complesso e va considerato come una filosofia di vita, un percorso di crescita e maturazione interiore. Si sconsiglia la pratica di questa disciplina a coloro che ricercano esclusivamente tecniche di lotta spettacolari o

L’energia può inoltre essere usata per incrementare la resistenza (lik) o in modo dinamico (ji).L’Hung Gar è inoltre una disciplina che conserva le caratteristiche tipiche degli stili di Shaolin, espresse con le movenze dei cinque animali (ng yin) e in più, ha ereditato diversi principi taoisti tra cui la teoria dei cinque elementi (ng hong). Fra questi due gruppi di tecniche vi sono delle connessioni.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu